PDP, come funziona e a cosa serve

Il PDP è uno strumento fondamentale per la quotidianità scolastica dei bimbi con DSA. Vediamo nel dettaglio come funziona il Piano Didattico Personalizzato e a cosa serve

La sigla PDP sta per “Piano Didattico Personalizzato”, ovvero quel documento ufficiale, utilissimo per bimbi e ragazzi con DSA, che viene studiato e applicato in modo da aiutare gli studenti con difficoltà di apprendimento.

Vediamo da cosa è composto un PDP, come funziona e a cosa serve.

PDP, cos’è e come funziona

Come si costruisce un PDP, chi lo compila e quali sono le sue funzioni principali? Iniziamo col dire che il Piano Didattico Personalizzato è disciplinato dalla legge 170/2010 che, tra le altre direttive, disciplina anche l’utilizzo degli strumenti compensativi per DSA.

In genere, a occuparsi della stesura del PDP è il consiglio di classe, che cerca di andare incontro alle esigenze di apprendimento degli alunni con DSA. Si tratta quindi di misure educative e integrative, pensate e strutturate tenendo conto dei punti di forza del singolo studente e delle sue specifiche difficoltà.

Capita spesso che anche il professionista (psicologo, logopedista) che segue l’alunno con DSA intervenga per creare un PDP ancora più specifico e strutturato. Non solo: il consiglio di classe può appoggiarsi anche al Referente DSA della scuola, una figura che ha una formazione specifica nell’ambito dei disturbi dell’apprendimento e fornisce supporto su strumentazione e normativa vigente.

Piano Didattico Personalizzato, a cosa serve e come è strutturato

Di per sé il PDP è mutevole e deve adattarsi facilmente alle esigenze dell’alunno – esigenze che possono cambiare in corso d’opera per diverse motivazioni. Il focus del PDP infatti è definire le finalità e gli obiettivi a cui si deve tendere, e di conseguenza anche il percorso per raggiungerli.
In genere un PDP deve contenere:

  • Valutazione iniziale dell’alunno, dei suoi punti di forza e delle integrazioni da fare;
  • Analisi del processo di apprendimento dell’alunno;
  • Obiettivi di apprendimento;
  • Metodo dell’attività didattica, ovvero in cosa consisterà la didattica compensativa;
  • Misure dispensative (i bambini con difficoltà di memorizzazione, ad esempio, vengono dispensati dall’imparare le poesie a memoria)
  • Strumenti compensativi come quaderni specifici per DSA o in generale strumentazione (anche digitale) per facilitare l’apprendimento;
  • Modalità di verifica del processo di apprendimento.

Sebbene la responsabilità della stesura del PDP sia del consiglio di classe, anche la famiglia dell’alunno deve essere coinvolta: non soltanto perché è necessaria l’approvazione finale da parte dei genitori ma per creare attorno all’alunno con DSA una rete che lo supporti nel raggiungimento degli obiettivi.

Per conoscere tutte le linee dei Quaderni del Gallo dedicate a bimbi e ragazzi con DSA visita il nostro e-shop https://www.quadernispeciali.it/